al tempo delle pallottole di plastica

comunicati, fotograficamente No Comments

E’ stato avviato il processo di produzione dal basso della creazione di libro digitale (ebook in pdf) del mio progetto su Rosarno.

Il progetto noto finora come “Magna, Italia! un racconto fotografico da Rosarno” rinasce con “al tempo delle pallottole di plastica – un racconto fotografica da Rosarno”.

L’indirizzo dove sostenere il progetto si trova qui.

E’ sufficiente registrarsi, andare all’indirizzo del progetto (o cercarlo) e compilare tutti i dati.

La quota di sostegno verrà versata se e dopo che verrà raggiunto il budget prefisso.

Il progetto nasce da queste foto.

magna, Italia! @ note di gusto, MagicaMusica

comunicati, fotograficamente No Comments

NOTE DI GUSTO è una rassegna artistica, culturale, musicale ed enogastronomica organizzata dall’Associazione Culturale Musicale MagicaMusica No Profit con lo scopo di promuovere la qualità territoriale in tutte le sue forme. Qualità è una parola che sempre più viene sacrificata in tutti gli ambiti, siano essi artistici, culturali, musicali ed enogastronomici. Eppure, ancora esistono coloro che della qualità ne fanno il principio fondante di tutta la loro attività. Senza qualità tutto diventa piatto e senza “sapore”. L’importante, come in tutte le cose del mondo, non è solo “ciò che fai”, ma quanto amore, cura e attenzione e scelta degli ingredienti ci metti nel “fare”.

Secondo appuntamento: DOMENICA 11 MARZO 2012 ore 17.15

In programma:

magna, Italia !
una racconto fotografico da Rosarno a cura di ANDREA SCARFÒ
Questa terra era colonia ai tempi della Magna Grecia, oggi continua ad esserlo, ma qui non c’è l’Italia, c’è solo il “magna”! In questa terra lo stato di diritto viene ricordato dai lavoratori stagionali di origini africane, perché chi ha conosciuto la guerra e la miseria non può tollerare di vedere negati i suoi diritti fondamentali e di venir anche vessato.
Durante l’evento verrà presentato “AL TEMPO DELLE PALLOTTOLE DI PLASTICA” (ebook nato dalla mostra).

ARMONIE DI GUSTO E GUSTO DI ARMONIE
Percorso di assaggi e sapori a cura della TORREFAZIONE E CIOCCOLATERIA MANULI / Taurianova – Gioia Tauro

MODAL JAZZ TRIO
Concerto con la partecipazione di
GIOSUÈ GRECO (sax)
GIOVANNI DE SOSSI (basso, loopstation ed elettronica)
ALESSANDRO MARZANO (batteria/percussioni)

Il progetto modal jazz trio nasce dall’esperienza di tre musicisti calabresi, Giovanni De Sossi (basso el.) Alessandro Marzano (batteria) e Giosuè Greco (alto sax) nell’intento di sperimentare nuove sonorità nel campo del jazz modale con l’ausilio dell’elettronica. Il MJT si rifà infatti ad autori del calibro di Miles Davis, dal cui stile sono influenzati i componenti del trio. Basti pensare infatti a pietre miliari come Kind of Blue, Bitches Brew e In a Silent Way per comprendere a quali contenuti attinge il Modal Jazz Trio. Le ritmiche innovative di A. Marzano, già noto batterista nell’ambiente jazz Romano, unite al fraseggio di G. Greco, giovane sassofonista studente presso il Berklee College of Music di Boston (USA), si fondono grazie al soprendente utilizzo del basso elettrico unito all’elettronica di G. De Sossi, musicista affermato e stimato in ambito europeo.Nel vasto repertorio del trio non mancano gli Standards, i brani della tradizione jazzistica internazionale, rivisitati però in stile del tutto originale e innovativo.

DOVE?
Presso MAGICAMUSICA – via Alcide De Gasperi n.20/22 – Taurianova (RC) a partire dalle ore 17.15 – DOMENICA 11 MARZO 2012

INGRESSO € 12,00 – prenotazione obbligatoria entro sab 10 marzo
informazioni e prenotazioni al numero 0966.643.797 o via email

Sito dell’evento: www.magicamusica.it/associazione/notedigusto

Festival del Giornalismo, Modica (RG)

Senza categoria No Comments

Dal 25 al 28 agosto a Modica ci sarà il Festival del Giornalismo (pagina Facebook) che giunge ormai alla terza edizione.

La manifestazione è organizzata dal giornale mensile “Il Clandestino senza permesso di soggiorno”.

In tale edizione verrà esposta anche la mostra “Magna, Italia! Un racconto fotografico da Rosarno” che si avvicina ormai alle sue ultime tappe.

Come sempre la mostra sarà affiancata dalla proiezione del video musicale di ToyFactory dei Kerid.

“il Sangue Verde” e “Magna, Italia!” per Amnesty

comunicati, fotograficamente No Comments

Nell’ambito del 50° compleanno di Amnesty International la sezione di Cosenza organizza il cineforum: “Non fare l’indifferente – Fingere di non vedere rende complici dell’ingiustizia”.

Il 13 giugno a cornice della proiezione del documentario “Il Sangue Verde” di Andrea Segre ci sarà la presentazione della mostra fotografica “MAGNA, ITALIA! un racconto fotografico da Rosarno” di Andrea Scarfò.

"il Sangue Verde" e "Magna, Italia! un racconto fotografico da Rosarno" a Cosenza per Amnesty International

Questa terra era colonia ai tempi della Magna Grecia, oggi continua ad esserlo, ma qui non c’è l’Italia, c’è solo il “magna”!
Nel dicembre 2008 dopo esser stati sparati e feriti due ragazzi africani, i testimoni dell’atto denunciano in fila ai carabineri il nome del responsabile che poi sarà condannato e sta scontando 13 anni di reclusione.
… Gli africani dunque, senza conoscere il fenomeno, si ribellano alla ‘ndrangheta.
Nell’inverno successivo l’ultimo scorso, su spinta emotiva di alcune persone sensibili con il supporto economico della chiesa cattolica e con la coordinazione dell’Osservatorio Migranti di Rosarno, un’ondata di solidarietà in dicembre inonda gli africani…
Probabilmente la vicinanza alle persone che l’anno precedente hanno fatto finire in galera un rampollo delle ‘ndrine locali ha dato fastidio a qualche mente.
Poi è cronaca.
Successivamente, da febbraio già decine di africani tornano a Rosarno in cerca di fortuna e lavoro, ma impossibilitati di ritornare ad abitare nei vecchi accampamenti, già bonificati si arrangiano nelle campagne… la stagione invernale ritorna ancora una volta e le loro condizioni di vita peggiorano.

Rosarno… di nuovo e niente di nuovo

comunicati, fotograficamente No Comments

Di nuovo…
Rosarno, novembre 2010

La stagione della raccolta di arance e clementine è alle porte.

Niente di nuovo, in alcuni casi posti la storia pare quasi congelata all’ennesima crisi (quella dell’inverno 2009/’10) del mercato agrumicolo con i ridicoli prezzi al produttore.

Niente di nuovo in quei posti intatti come dopo le deportazioni dell’8 e del 9 gennaio 2010.

Di nuovo, o quasi, ci sono i corsi di lingua e altri progetti del comune atti ad un apparentemente improbabile inserimento degli stranieri nella società indigena e a favorire un impiego lavorativo regolare. Non mancano, come è sempre stato, rari esempi virtuosi di integrazione e di impiego lavorativo dignitoso.

Niente di nuovo: lungo la strada al mattino si vede una marea di gente che mendica un lavoro.

Di nuovo c’è che anche se quest’anno per via dei controlli a lavorare sono soprattutto i regolarizzati e ancor di più gli esteuropei.

Di nuovo le condizioni di vita quotidiana degli africani sono pessime, mentre l’attenzione dell’opinione pubblica viene serialmente uccisa.

Premiazione “in search of solidarity” photo competition

comunicati, fotograficamente No Comments

E’ con grande gioia che comunico, anche visivamente, la premiazione del concorso fotografico “in search of solidarity” bandito dal Gruppo del PSE europeo.

Come si può notare dalla prima foto, l’atmosfera era tutt’altro che solidale, i politici proprio non riescono a rinunciare ai loro lussi, neanche quando si parla di solidarietà.

Io ho preso il premio e sono scappato.





In search of solidarity – photo competition

comunicati, fotograficamente 1 Comment

E’ con estremo piacere che annuncio l’esito del concorso “in search of solidarity” bandito dal gruppo dei Socialisti Europei.

Andrea Scarfò, secondo classificato con alcune foto del lavoro “Magna, Italia! un racconto fotografico da Rosarno” che ha nella solidarietà uno dei punti cardine.

Andiamo a Bruxelles, andiamo con le foto!


Intervista su: il Giardino dei Viandanti

comunicati, fotograficamente No Comments

Questo mese la cooperativa il giardino dei viandanti, che si occupa spesso e volentieri di interculturalità, si interroga sull’importanza della fotografia nel campo del sociale…

Uno dei contributi che hanno voluto è un resoconto, un confronto nato dalla visita alla mostra fotografica “Magna, Italia! un racconto fotografico da Rosarno” che è diventato una breve intervista arricchita da alcuni video (1, 2) già pubblicati qui sul blog.

Ecco qui di seguito il testo dell’intervista (oppure leggila sul sito del Giardino dei Viandanti)

Cos’è per te la fotografia?
La mia vita. Il mio sorriso. Un modo per raccontare, denunciare con l’evidenza, ma anche un modo per esprimermi misteriosamente (astratti fotografici) o per rilassarmi (fotografia naturalistica).
In sintesi, diceva Richard Avedon: “Se passa un giorno in cui non ho fatto qualcosa legato alla fotografia, è come se avessi trascurato qualcosa di essenziale. È come se mi fossi dimenticato di svegliarmi.”

Quando hai deciso di usarla per parlare del sociale?
Ho prima capito di essere sociale, poi fotografo… in buona sostanza quando ho capito che non ero incapace come pensavo, cioé quando ho iniziato a sapermi rapportare con le persone in modo schietto e sincero, riuscendo anche a metterle a proprio agio di fronte all’obbiettivo ho capito e avuto la spinta ad approfondire la fotografia sociale.
Concretamente credo che tutto sia da ricondurre alla Carovana Missionaria della Pace con gli istituti missionari d’Italia, nell’autunno 2008.

C’è un nesso tra fotografia e realtà? Quale?
Certo che c’è… tutto ciò che ricade nel quadro dell’immagine è reale, la “bugia” sta nell’omettere cosa ci sta intorno, ma non necessariamente questo è necessario, anzi il fulcro della fotografia è capire cosa sia l’importante, il cuore e cosa superfluo.
Tra l’altro c’è da dire che amo così tanto la finzione che il mio alterego virtuale è “naturalmenteAndrea”, da cui il nome del mio sito.

L’immagine come la parola fermano nel tempo un fatto. Quale pensi sia la forza di questa forma di comunicazione?
L’immagine dispone della forza di un linguaggio più veloce, intenso. La Fotografia, nello specifico, ha la missione di raccontare la storia come una somma di attimi, quelli cruciali, appunto quelli storici.

Ci deve essere un’etica nella fotografia?
Assolutamente sì. Anche nella fotografia naturalistica, oltre come immaginabile nella foto di reportage. Purtroppo oggi il mercato ha ucciso la sensibilità del fotografo che è diventato un avvoltoio della notizia e sempre meno fotografi si dedicano alla costruzione di un servizio giornalistico fotografico, per facilità di esecuzione e minore impegno di studio. L’etica come in molti altri ambiti è però a pura discrezione del singolo, al punto che oggi tra i fotografi l’etica pare si fermi all’uso della postproduzione, ignorando magari l’impatto umano della fotografia sul soggetto…

il giardino dei viandanti

“Magna, Italia!” al Centro Interculturale della Provincia di Mantova – i video

comunicati, fotograficamente, visivamente No Comments

Come ho già scritto qua la mostra fotografica “Magna, Italia! un racconto fotografico da Rosarno” è stata a Mantova, presso il Centro Interculturale della Provincia, in piazza Sordello (proprio accanto al Palazzo Ducale!!!).

Quel giorno ho ricevuto la mia prima vera videointervista: un modo nuovo e sicuramente più creativo per raccontare questa storia.

Un grazie dunque a Matteo Bennati, autore del video.

“Magna, Italia!” ad Ottobre Piovono Libri di Taurianova – i video

comunicati, visivamente No Comments

Domenica 10 ottobre si è aperta la campagna nazionale del 2010 “Ottobre Piovono Libri” di Taurianova, organizzata dalla biblioteca comunale in collaborazione con l’associazione Mammalucco onlus, MagicaMusica e con il fotografo Andrea Scarfò.

L’evento di apertura è stato la presentazione della mostra “Magna, Italia! un racconto fotografico da Rosarno”. Per l’occasione la mostra è stata corredata da un libro fotografico e un video montato con gli scatti di Andrea Scarfò (molti inediti) sulle vicende di Rosarno e la musica dei Kerid, ovvero Nino Martino e Alessio Calivi. Il video per la precisione ha dato immagini al brano “Toy Factory” (fattoria di giocattoli).

« Previous Entries