Rosarno… di nuovo e niente di nuovo

11:11 pm comunicati, fotograficamente

Di nuovo…
Rosarno, novembre 2010

La stagione della raccolta di arance e clementine è alle porte.

Niente di nuovo, in alcuni casi posti la storia pare quasi congelata all’ennesima crisi (quella dell’inverno 2009/’10) del mercato agrumicolo con i ridicoli prezzi al produttore.

Niente di nuovo in quei posti intatti come dopo le deportazioni dell’8 e del 9 gennaio 2010.

Di nuovo, o quasi, ci sono i corsi di lingua e altri progetti del comune atti ad un apparentemente improbabile inserimento degli stranieri nella società indigena e a favorire un impiego lavorativo regolare. Non mancano, come è sempre stato, rari esempi virtuosi di integrazione e di impiego lavorativo dignitoso.

Niente di nuovo: lungo la strada al mattino si vede una marea di gente che mendica un lavoro.

Di nuovo c’è che anche se quest’anno per via dei controlli a lavorare sono soprattutto i regolarizzati e ancor di più gli esteuropei.

Di nuovo le condizioni di vita quotidiana degli africani sono pessime, mentre l’attenzione dell’opinione pubblica viene serialmente uccisa.

Leave a Comment

Your comment

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.