Rosarno, un mese dopo

2:21 pm fotograficamente

Naturalmente non ho smesso di scattare foto, anzi…

Nell’ultimo mese mi sono dedicato altre volte di Rosarno.

Innanzitutto ho aggiornato la galleria "Quel che resta (dopo le ruspe)" che documenta l’abbattimento in diversi stati della Rognetta.

Sono state create altre tre nuove gallerie.

 

Un giorno di inizio febbraio, complice il bel tempo e la temperatura davvero bassa anche quiggiù in QuasAfrica, sono riuscito a scattare alcune belle fotografie al primo mattino al cosiddetto "engage" tra i francofoni.: l’ingaggio al lavoro quotidiano. Dunque ancora ce ne sono africani a Rosarno! Sì, ma davvero pochi, sicuramente meno di un centinaio e se la passano ancora peggio perché nonostante l’avversione delle forze dell’ordine, che sono arrivate a far multe di 7mila euro, perché i lavoratori non avevano con sé imbracatura e casco di sicurezza. Le forze dell’ordine inoltre non lasciano più abitare  gli africani nei loro soliti "villaggi" e quindi non potendosi permettere una stanza in affitto nel paese stanno nelle campagne, dispersi. Le loro condizioni di vita peggiorano.

 

Lo Stato dunque pare ci sia, ma solo per mostrare i muscoli, certo non per gestire il fenomeno. Il 5 febbraio sono arrivate le ruspe della Protezione Civile, "promettendo" di fare una bonifica.
Cos’è una bonifica? Credo per loro significhi mettere ordine, quasi una distruzione… certo non depureranno le acque di quella specie di latrina-discarica, né credo che disinfetteranno.
Non ha senso… ma  è solo la mia stupida opinione.

 

Con un’altra alzataccia ho potuto scattare un po’ di foto dentro l’ex Opera Sila-ESAC-ARSSA. E’ incredibile come tutto pare si sia fermato al 9 gennaio e poi sia stato preda della ruggine, del tempo… anche i colori vivaci delle tende si sono sbiaditi senza la vita di chi le abitava. Le foto parlano da sole. Gli oblò sono i silos dove alcuni dormivano, alcuni scatti sono anche fatti dentro di essi.

Buon viaggio.

A giorni sarà pubblicato un reportage fotografico di 8 pagine stampabile da pdf.

Leave a Comment

Your comment

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.